Home Catalogo
Libri
Novità & Eventi Acquista Contattaci Pubblicare con Edarc Poesia Links

Oltre Firenze La Guida di Firenze La Guida del Chianti  Le Guide Edarc Saggistica
 
 





 

 
 

Giusy Frisina

Il canto del desiderio

Song of longing

ISBN 978-88-97060-22-2
Formato: 13 x 20
Pagine: 110

Prezzo: Euro 12,00

 

 

 

 

Scheda Editoriale

 

 

 

 

"…try me again
when the angels are panting
and scratching at the door to come in…"
(L. Cohen: ‘Amen’)

 

Platone, nel "Fedro", tra le quattro forme di follia, con il delirio, la profezia e l’amore, colloca la "poesia visionaria". Qui vorrebbero esserci tutte e quattro. Ma c’è sicuramente l’amore, che è in ultimo ricerca, tramite il poeta visionario, di quello che io chiamo Dio; per Leonard Cohen, meraviglioso ebreo rimasto tale nonostante nove anni di percorso buddista, è Colui che corrisponde a una stupenda parola da lui usata: The Nameless.

 

Giusy Frisina è nata in Magna Grecia. Abita a Firenze dove insegna Filosofia. Ha scritto vari articoli e racconti per la rivista online Domani Arcoiris TV. Sue poesie sono state pubblicate su alcune antologie, come Poesie del nuovo millennio (Aletti Editore). Una sua prima raccolta è stata segnalata al Premio Letterario Ibiskos 2012. L’amore per la poesia e la musica di Leonard Cohen hanno dato origine a Il canto del desiderio.

Giusy Frisina was born in Magna Grecia. She is living in Florence, and she is a teacher of philosophy. She has written many articles and stories for the online magazine Domani Arcoiris TV. Her poems have been published into some anthologies, such as Poesie del nuovo millennio (Aletti Editore). One of her first collection was reported to Ibiskos Literary Prize 2012. The love of poetry and music of Leonard Cohen gave rise to Song of longing.

 

http://giusyfrisina.weebly.com/

il-canto-del-desiderio---song-of-longing.html

 

Leggi un brano

Leggi alcune pagine in formato pdf L'ispirazione
Solo anima
Fragilità
Messaggio interiore

Ordina i libri
 

Hanno detto - Commenti - News

Invia un commento al libro

   
 

 

Giusy Frisina

Roberta Degl'Innocenti

Paola Crisostomidis Gatti

 

Incontri alla

Libreria Salvemini

 

Pensiero di Donna

 

Introduce

Mauro Marrani

 

presenta

Jacopo Chiostri

 

martedì 13 marzo 2018

ore 17.00

Piazza Gaetano Salvemini, 18

Firenze

Giusy Frisina

"IL CANTO DEL DESIDERIO"

 

UN OMAGGIO A LEONARD COHEN

Tra poesia e musica

 

Introduce

Candido Meardi

 

Interventi poetici di Giusy Frisina e

Candido Meardi

 

Interventi musicali di Roberto Durkovic, Massimiliano Alloisio e Luigi Scuri

 

12 Novembre 2017

ore 18:30

 

 

 

https://spazioaldamerini.org/events/anno-2017/

 

Giusy Frisina

"IL CANTO DEL DESIDERIO"

 

Opera terza classificata

al

Premio letterario internazionale

“Lilly Brogi - La Pergola Arte 2014”

VI Edizione


26 Ottobre 2014

 

La grande Arte per la grande letteratura

Io e Leonard Cohen

 

http://giusyfrisina.

weebly.com/

il-canto-del-desiderio---song-of-longing.html

 

Presentazione

del libro di poesie di Giusy Frisina

"IL CANTO DEL DESIDERIO"

La Camerata dei Poeti

II Tornata dell'85 anno

 

Auditorium Ente Cassa di Risparmio di Firenze

 

Giovedì 16 ottobre 2014 alle ore 16,30

Commenti critici Lia Bronzi e Carmelo Consoli

Letture di Andrea Pericoli

Letture poesie d'entrata di S. Di Florio Lazzerini

 

Alla volta di Leucade

 

CATERINA BIGAZZI: LETTURA DI

"IL CANTO DEL DESIDERIO",

DI GIUSY FRISINA

 

domenica

1 giugno 2014

 

Una stretta e feconda correlazione tra poesia e musica e una salda fiducia nel «mistero»   dell'ispirazione sono alla base di questa raccolta di Giusy Frisina, dedicata al cantautore Leonard Cohen, «older brother met on the way from the nook of longing».

Come spiega l'autrice nella Prefazione - importante, anzi illuminante per poter comprendere appieno i testi - l'evento scatenante per la nascita di quest'opera è l'«incontro siprituale» con il musicista, avvenuto in occasione del concerto da lui tenuto a Verona nel settembre 2012. Un incontro che è anche, platonicamente, un'ispirazione e una reminiscenza, con la sensazione - che in poesia equivale quasi a una certezza - di un riconoscimento, un qualche misterioso nodo di coincidenze-non-coincidenze, di «sincronicità». Complice la magica atmosfera del palco e della "città degli innamorati", per Giusy Frisina avviene infatti uno scambio alchemico che è un  riconoscere appunto Cohen come un compagno di strada sulla via di una ricerca poetica comune, anche se a distanza, in forte vicinanza filosofica e spirituale, quasi si trattasse di una stessa mente, di un unico fulcro creativo.

 

Ne scaturisce un interessante connubio tra poesie e testi di canzoni, con testo a fronte, in italiano e in inglese, nel doppio lavoro svolto da Frisina di traduzione, prima, dei propri testi poetici dall'italiano all'inglese, e poi di traduzione in italiano di tre liriche di Leonard Cohen (Take this Waltz, Love Itself, Amen) come omaggio personale al celebre cantautore canadese.

Ci sembra che l'autrice, docente di filosofia, riesca a cogliere a fondo il non semplice sostrato esistenziale e religioso dei testi di Cohen, ebreo e buddista, sviluppandolo in senso filosofico e in particolare platonico (l'amore, la memoria, la profezia, la nostalgia dell'altro...), rendendo attraverso la poesia l'idea di una parola il cui significato resti inscindibile dal suo suono, l'immagine dalla musicalità («la tua pura poesia / musica»). I testi di Giusy Frisina mirano a cogliere la luce ontologica che sta dietro alle cose, al di là della superficie visibile, il "desiderio" inguaribile che le permea, sete appunto inestinguibile di verità, di luce e di bellezza, e che conduce alla ricerca di Dio. Un Dio storico e insieme sincretistico, che può assumere varie facce e manifestarsi in molti modi e momenti restando però sempre uno e sostanzialmente indicibile, the Nameless.

 

Anche l'evocativo titolo scelto, Canto del desiderio, è giocato sull'ambivalenza del significato, come spiega l'autrice, intraducibile fino in fondo: canto per il desiderio, o il desiderio stesso che canta? Canto come canzone, ma anche come luogo, angolo in cui il desiderio si nasconde, rifugio e consolazione?

Di tutte queste sfumature, rimembranze e suggestioni si compone l'affresco di questo libro, in cui si alternano visione e riflessione, intuizioni e fascinazioni, mito e natura, ricordi autobiografici e geografici e l'osservazione quotidiana della vita. Vi incontriamo un linguaggio liquido e sinuoso che si incarna in immagini ora eteree, concettuali e metafisiche, - «occhio interiore», «pensiero stupito di Sé», «eterno fluire», «veglia ecumenica» ecc. - ora più corpose, concrete, sensuali - gli scenari d'acqua, la festa musicale della Gerusalemme celeste, la bambina che saluta Leonard dalla finestra... solo per citarne alcune. Le pagine più riuscite della raccolta appaiono quei felici momenti in cui l'autrice oltre a seguire gli echi dei testi e del modello musicale tenta strade autonome e originali, percorrendo le quali le due dimensioni si incontrano, conservando però anche il loro drammatico contrasto (come in Canzone dell'amore immaginario, Nata ieri, Come una coccinella o Partenza notturna, ad esempio). Il possibile luogo d'incontro è a sua volta abisso, terra bruciata e insieme alta vertigine vivificante: come nell'immagine biblica del roveto ardente sul monte, dove il Dio innominabile si rivela a Mosè, il quale pure umanamente non può vederlo senza bruciarsene gli occhi. Immagini che generano di continuo nuova conoscenza.

Il libro rivela così una doppia anima, filosofica e sapienziale ma anche intimista e domestica. Sempre riuscendo a parlare d'amore e della forma più alta d'amore possibile - elevata ad arte, a canzone, quell'amore in cui si fa esperienza tragica della vicinanza e insieme della lontananza («così vicino / e irraggiungibile / a due passi d'acrobata, quasi un volo interstellare»).

 

Caterina Bigazzi

 

La Recherce.it

 

Recensione di Caterina Bigazzi

 

30 maggio 2014

 
 

 

Il canto del desiderio

Song of longing

Poesia

Giusy Frisina

Edarc Edizioni

 

Alla volta di Leucade

 

Nota critica

di Nazario Pardini

su "POESIE"

di Giusy Frisina

 

martedì

13 maggio 2014

 

Poesia che con voce chiara e ammiccante riesce a tradurre un sottofondo di spiritualità umanistico-classicheggiante in misure di moderna sonorità. Una sinfonia che lega tra loro nèssi allusivi di impatto emotivo. Fughe verso mari che respirano arie di mistero e di incontri mancati. Desideri di àmbiti rigeneranti, di onirica Bellezza. Contaminante dire poetico che con slanci di euritmica fattura riporta acque di un Egeo zeppo di miti a scorrere in argini di sapida novità verbale.

E c’è la vita in questi versi con tutti i suoi sogni, con tutte le sue sottrazioni, con tutti i suoi voli, pindarici voli verso mète che oltrepassano il confine del nostro esistere verso l’ “Incantesimo  sul mar Egeo/ Di fronte all’austero Peloponneso”. E tutto si fa ritratto di un’anima volta a raffigurarsi in quadri di classica memoria rivisitati da un verso fresco e sinfonicamente attuale: spiagge, calette, scogli, ciottoli variegati dai colori antichi,  il mare sempre diverso e sempre uguale, incontri impossibili per tempi che ci rendono diseguali. Un fremito di vento antico in un’anima che si rigenera in docili misure trasparenti come mari di greca memoria.

Aggiungo un’altra significativa poesia di Giusy Frisina a conferma della sua agilità ispirativa nel tradurre il mito in un canto di cristallina resa poetica (Il cuore di Hydra).  Sta qui la grandezza della poesia: nel fare del repêchage di miti e mitologie un’attualizzazione delle vicende umane. Un’elevazione all’universale.

Ben intonata, fra l’altro, al tema del blog: Lèucade.

E non me ne voglia la poetessa se, invogliato dalla freschezza del suo poièin, inserisco nella sua pagina un mio poemetto sulla mitica isola, un poemetto pubblicato in Alla volta di Lèucade.

 

Nazario Pardini

 

Libreria Nardini Bookstore

c/o LeMurate

 

Mercoledì

18 dicembre 2013

ore 17.30

Guido Calosi e Francesco Rainero

presentano

Il canto del desiderio

di Giusy Frisina

con la partecipazione dell'autrice

e della Prof.ssa Antonella Bartoloni Saint-Omer

 

http://www.amazon.it/canto-desiderio-Ediz-italiana-inglese/dp/8897060226/ref=sr_1_15?s=english-books&ie=UTF8&qid=1392311388&sr=1-15&keywords=Frisina

 

http://www.ibs.it/code/9788897060222/frisina-giusy/canto-del-desiderio-ediz.html

 

 

http://www.inmondadori.it/canto-desiderio-Ediz-Giusy-Frisina/eai978889706022/

 

 

http://www.libreriauniversitaria.it/canto-desiderio-ediz-italiana-inglese/libro/9788897060222

 

 

http://www.wuz.it/libro/canto-del-desiderio/Frisina-Giusy/9788897060222.html

 

 

http://www.libroco.it/dettaglio_libro.php?codiceweb=795462737169652

 

 

http://www.unilibro.it/libro/frisina-giusy/il-canto-del-desiderio-ediz-italiana-e-inglese/9788897060222

 

 

http://www.deastore.com/libro/il-canto-del-desiderio-ediz-giusy-frisina-edarc/9788897060222.html

 

 

15 09 2013

Ho apprezzato la raccolta di poesie "Il canto del desiderio" di Giusy Frisina dopo una attenta lettura dei testi, richiesta anche dalla particolarità che in molte poesie è volutamente assente la punteggiatura.

Poesie come Canto magico del desiderio, L'ultimo desiderio, Canzone dell'amore immaginario, Per miracolo, per citarne alcune, sono veramente ricche di pathos e mettono a fuoco la molteplicità degli stati d'animo e delle ispirazioni creative della Frisina.

La poesia Fragilità mi ha colpito in modo particolare per le metafore che contiene  e per il sentimento forte di ciò che può bastare per sempre.

In conclusione una bella raccolta, sicuramente ispirata dalla forte personalità e dalle predilezioni di Leonard Cohen, ma con originale partecipazione dell'autrice alla quale mi piace augurare che il futuro le riservi ancora e sempre, in forma di poesie, "mazzi di pioggia e sole".

 

Pino Romanò

   
   
   

 
 

EDARC Edizioni - 50012 Bagno a Ripoli FIRENZE
Tel. e Fax +39 055 633033
www.edarc.it  -  e-mail: edarc@edarc.it